venerdì 23 marzo 2012

Le porte dell'inferno ormai son chiuse: e tu sei qua

Sono tornata...ero immersa nello studio: ho ripreso l'università a pieno regime, per quel che il lavoro consente...così sono andata a guadagnarmi un bel trenta...dai: fatemi gongolare un po' che è fresca fresca!! ;-)
The bone machine...così: per gradire! :-))
...per la serie 'non servirà pregare dio in questo posto sai...'
Va bhè...usiamo termini più colti...giacché siamo dei serissimi intellettuali travestiti da cazzoni prendiamo in prestito le parole di Camus  
"visto che non viviamo più i tempi della rivoluzione, 
impariamo almeno a vivere il tempo della rivolta"
 ..."mi rivolto, dunque siamo"
(chissà che penserebbe la cara Luxemburg che ne sò...per dire...della riforma in atto...)
...la versione degli Utsmamò: siamo i ribelli della montagna tempriamo il cuore e i muscoli in battaglia...di giustizia è la nostra disciplina, libertà è l'idea che ci avvicina...
Ieri sera stavo per prendere a cazzotti la tv a casa di un amico pur di non vedere sorrisetti in faccia a chi non sa cosa significa lavorare senza prendere lo stipendio...a chi non sa quale e quanta fatica sta facendo la gente di questo paese per tirare a campare...vedevo l'altra sera 123stella della Guzzanti a casa di un'altra amica ancora e pensavo...ma io in futuro per chi voterò? Panico. Disgusto...mancano il delirio e Las Vegas poi stiamo a posto!
Altra canzone degli Utsmamò sentita e risentita con Daniele e Sunsi girovagando per boschi&borghi in un we di qualche tempo fa: splendida giornata. 
'Anima semplice, candida e pura, non diventare amara, non immischiarti tu...' 
Grazie agli amici che si son fatti partite a scacchi la notte per tenermi compagnia mentre studiavo all'impazzata con febbre e fazzoletti sparsi ovunque...grazie per la porchetta, il sostegno, l'amore, la solidarietà e la viennetta col biscotto al malto sotto! Miaaaooooooooooooooo!!! ;-)
Grazie a chi non mi molla specie quando barcollo distratta, divertita, trasognata poi stupefatta!
Sul comodino:
...così...m'è venuta in mente un'idea da qualche mese a questa parte...
(Flaviano tu ne sai qualcosa giacché il primissimo libro acquistato
l'abbiamo sfogliato insieme prima della tua partenza...come vedi nel frattempo mi son messa alla ricerca di una bibliografia! ;-)
E poi il bacio della donna ragno me l'hai regalato tu al mercatino, no ancora non l'ho letto ma lo farò come tante altre questioni irrisolte!)
Tra l'altro mi son vista un balletto al teatro dell'Opera che è stato commovente;
un concerto all'Auditorium che mi ha lasciata senza parole;
diversi film tra cui Gli sfiorati (Mab??), Quasi amici, Posti in piedi in Paradiso, Acab, Hugo Cabret...insomma non male anche in virtù del fatto che non ho speso per la stragrande maggioranza di ciò che ho visto/ascoltato (piango miseria e infatti da cocopro non c'ho mai una lira in tasca: non avrei potuto permettermi neanche 1/16 di tutto ciò se non m'avessero girato i biglietti ma del resto questa è la condizione della quasi totalità della gente comune cui l'accesso alla cultura è precluso.
 In proposito vi chiedo se avete visto l'intervento, ieri, dell'educatore napoletano a piazza italia su la7 e se sì, giacché ciò che ha denunciato è verità, cosa ne pensate di un sistema in cui chi aiuta persone ai margini vive una quotidianità del tutto simile, quantomeno in termini economici/abitativi, a coloro che supporta? Paradossale, no?)
...ho scoperto il Politecnico Fandango e conto di tornarci spesso! :-)
Mi son fatta una cultura sui processi imitativi ed il sistema specchio.
Sono caricata a pallettoni! ;-))
Perché, come direbbe Goffredo Fofi: 
l'unica cosa che si può fare è creare piccole minoranze di rompicoglioni con un progetto in testa.
(Ho anche preparato un ottimo cake con farina di mandorle di cui vi scriverò ricetta postando foto nei prossimi giorni! :-)
Vista l'ora: buon appetito!

16 commenti:

  1. Felice di lleggerti, bella carica come in altri momenti...

    RispondiElimina
  2. complimenti per il trenta!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nulla due volte accade né accadrà. Per tal ragione si nasce senza esperienza, si muore senza assuefazione. (W.Szymborska)
      :-)
      Grazieee!!!!!!!!

      Elimina
  3. Eccooooo..infatti t'ho pensato per gli sfiorati ma non l'ho visto,ho visto cabret,magnifica presenza e altri(bello andare al cinema spesso!)dimmi..regge il confronto col libro? Come stai ciccia bella,non so se mai riuscirò a venire lì,magari sotto pasqua andrei in qualche borgo in piena campagna,sto stressata come una gazzella di primo mattino(sai "ogni mattina una gazzella..")

    RispondiElimina
  4. e per te ogni cosa che c'è,... idee, sogni, fantasie e concretezze, te lo meriti!!!!!!

    RispondiElimina
  5. ...quanti bei commenti!Patata..mi domando,ti domando..ma scusa tu proprio gazzella ti devi svegliare ogni mattina?Leone mai?Anzi leonessa,e scusa se è poco.. ;-) Ma guarda..il film..ho trovato qualcosa di interessante-a parte che per partito preso,tendenzialmente controcorrente già per mia natura,se un film resta poco in programmazione nelle sale italiane è già un motivo sufficiente per andare a vederlo!-ma il libro non si batte..tra l'altro non avevo capito,o avevo rimosso -o ancora- e/o sono avvenute modifiche,che accadeva quel che nel film invece accade..Sì,se un libro mi piace in particolar modo il film è d'obbligo!E poi..vedessi la mia di grafia come cambia..ogni duepertre nell'arco di 30'e1riga..come dire..sfiorata?No no:presa in pieno!Ma quant'è bella la vita che tanto ti leva ma tanto di dà?Ma io voglio ospitarti a casa e parlare ore con te Mab!

    RispondiElimina
  6. Eh Darietta sarebbe bello passare almeno una giornata insieme...vorrei venire lì(devo anche fare delle cose)in un periodo in cui respiri un pò..
    ma ci sentiamo presto per telefono,ok besosMab

    RispondiElimina
  7. volevo anche segnalare "I neuroni specchio-Marco Iacoboni Bollati Boringhieri

    RispondiElimina
  8. Yes! Grazie! Sì...Rizzolati ha scoperto il sistema specchio -mica tutti gli italiani del resto son da buttare!!- e Iacoboni ha studiato anche l'attivazione dei neuroni specchio rispetto a due tipi di gestualità: l'iconica e quella dei gesti indicatori di pulsazioni...veramente un argomento interessantissimo...e poi fino ad ora la Bollati-Boringhieri come casa editrice devo dire non m'ha delusa... Grazie ancora! ;-)

    RispondiElimina
  9. Sorella.....Grande!!!! complimenti per il 30,spero d'appartenere a quella minoranza di rompicoglioni ,come sai appartenere alla massa non fà per me!!!
    Ti domandavi che fine avessi fatto? a parte un casino lavorativo da paura , e finalmente la risoluzione del problema al ginocchio sto abbastanza bene sto valutando una vacanza ma non sò ancora dove.... magari la finisco a Roma a stressarti hihiihhi
    Baci baci Max

    RispondiElimina
  10. Aperitivo riparatore... Alcolico rilassante.. Rivedersi anche solo un'istante...

    RispondiElimina
  11. Perché un gesto possa essere'riparatore'occorre aver capito intimamente che errore è stato compiuto.Io non sopporto le scuse:il passo precedente è l'errore,la mancanza di rispetto.Se ci sono le scuse qualcosa poco prima è andato storto.Per me può esserci anche più di un istante,con chiunque,non ho mai chiuso definitivamente con nessuno il canale comunicativo.In un qualsivoglia tipo di recupero però alla prima mossa sbagliata ci metto una croce sopra:depenno.Va bene.Vediamoci.Io spero che tu abbia capito lo squarcio che m'hai provocato all'animo.Ps:le donne,i compagni,le mogli,i mariti..passano,gli amici se li sai proteggere, valorizzare e custodire restano.Guai a rifarmi male.

    RispondiElimina
  12. ...Perchè esiste un'altra forma di comunicazione oltre al monologo?Pensaci davvero: anche senza cattiveria, malizia e forse volontà, non è forse sempre finalizzato ad un qualche obiettivo il comunicare?La comunicazione, allora, non risulta solo un'altra forma di agitazione?
    Se ti è piaciuto Agave, Berenice di più. A giugno, solito posto. Se poi vuoi aggregarti al tour nordico, allora prepara le valigie perchè siamo in partenza!per l'esame ci avrei giurato che sarebbe andato bene, eri troppo rapita per non divorare fino all'ultimo pezzetto di carne..Un abbraccio, senza graffi.

    RispondiElimina
  13. lo scontro incontro penso faccia parte della natura umana,così come il poter sbagliare, il comprendere di aver sbagliato,l'accettare di aver sbagliato da ambo le parti... e molto di più x me vale il carpe diem nel momento in cui avvengono determinate situazioni... e tengo a dire involontariamente avvengono... non è un voler far del male.
    ed Io ti vedo tutti i giorni quando mi fermo a pensare a Te,per questo resterai sempre in parte di Me...

    RispondiElimina
  14. @ FitzCarraldo. Ci sarò: non mancherei ad uno spettacolo ideato, sudato, voluto da te per niente al mondo. Agave mi ha cambiato la vita, in un certo senso anche incontrarti. Perché negarlo: sarebbe assurdo! Ne son capitate di cose eh? Pazzesco...a parlare di autismo 'restaurando' angoliere...mangiare pizzette di ritorno da una gita non di piacere al parcheggio del ministero dietro lo stadio...e il resto...l'infinito resto...Adesso studio un testo sulla manipolazione...l'arteterapia, l'anoressia ed il Tai chi chuan...che detta così mi farà sembrare una fuori di testa...molto figliadeifiori alla Verdone 'noperchécioèsaichenoiamiamolanaturailSolelaLuna'...sulle note di Woodoo Child di Jimi! ;-)...poi verrà il momento del gioco tra tradizione e innovazione...e la cura di sè...ma ti spiegherò meglio!! Quando? Dobbiamo ancora prenderci quella pinta...sarà evaporata nel frattempo tesò!E' bello esser stretta in tuo abbraccio!

    RispondiElimina