domenica 6 giugno 2010

Should I stay or should I go?


...ebbeno no: non mi sono ancora dileguata! :-) Ero qui a fare pulizie. E' domenica, non mi reggo più sulle gambe e continuo imperterrita a far pacchi nonostante le palpebre siano pesanti e gli sbadigli escano al solo pensiero di farli. Non posso trattenermi molto nel web, tra l'altro in questo periodo di fuoco non si cucina che non l'essenziale, ovvio, per cui c'è poco da postare. Come avrò casa -la cucina soprattutto!!- praticabile intendo, riprenderò il ritmo...anche perché l'estate sembra (non diciamolo troppo forte!) essere arrivata, la frutta è matura, le decine e decine di bicchieri aspettano solo di essere scartati e poi avranno inizio le preparazioni più strambe e colorate mai viste prima! :-)

23 commenti:

  1. Ciao sorella,stamane pensavo proprio a te,mi sono svegliata più tardi del solito, dopo una settimana passata a lavorare doppio ,al mattino con il mio pargolo e alla sera a levare vernice dal pavimento ma ,ne è valsa la pena,sia in termini di denaro che di realizzazione delle vernici ahhahahah
    Sorella vedessi che caldo fa qui oggi ,una di quelle giornate che se te ne vai al mare rischi di tornare morto stecchito,quindi me ne sto a casa a leggermi un libro e a godermi la frescura della mia casetta .
    Cerca di non ammazzarti troppo di lavoro .....Ti darei una mano ma aime sono troppo lontana ,magari la prossima volta che il mio fidanzato viene a roma ci vengo pure io cosi ci vediamo e ti riposi !!!!
    Un bacio Max

    RispondiElimina
  2. amore.... bentornata nel mondo dei comuni mortali....facciamo un pò finta che va tutto bene bene bene....troppi bene, lo so!!!!! dai sei arrivata al traguardo...brava! tuo fratello
    annuisce e ti adora...

    dardadi

    RispondiElimina
  3. @Max: :-) Ti aspetto!!! ;-) Si, oggi mi sa che era da restarci -secchi!- al mare. Ho visto al tg una serie d'interviste: certe spiagge del nord erano superaffollate -che poi fan sempre vedere la riviera romagnola...- per carità! Io preferisco di gran lunga andarci la mattina presto -si trova pure il posto senti che ti dico!!!- e la sera al tramonto...il resto del giorno me lo possso pure risparmiare guarda! Oh...io t'aspetto sul serio eh! Prima o poi verrai nella capitale, o no?
    @Dardadi: Mà, tranquilla: ce la posso fare. Spero. Questi ultimi 4/5 giorni saranno i più duri, non oso immaginare la stanchezza che mi assalirà. E' vero anche che il caldo ora non mi aiuta, che mi nutro tre volte tanto e che oggi me ne vado spedita in farmacia a prendere tutto quel che mi serve per non finire in ginocchio da qui all'ora di pranzo! ;-)Adora me o i Clash? ;-)
    Insomma ma di questo lavandino che mi dite?
    Mi piacciono così tanto quelli con le vasche in ceramica, da sempre! E infatti, questo che ho messo in casa, è molto simile a quello di Soriano: una fissazione! Il resto degli elettrodomestici me lo devono ancora scaricare.
    Ho rinnovato nel frattempo una delle due vecchie Thonet che compraste tu e papà in tempi non sospetti, l'ho fatta mandorla con effetto shabby. Posterò le foto del prima e del dopo...mi ci son voluti due pomeriggi ed un intero barattolo di colore: mi si è rovesciato sul pavimento e giuro che volevo piangere ma non l'ho fatto! Stamani andrò a riprendere il colore e già che ci sono tento anche con un avorio...vediamo un po' se è più tenue e magari destinarlo alla cassettiera. Mi mancano ancora: seconda sedia, lampadario, testiera del letto matrimoniale, scaletta porta-asciugamani per bagno, mobiletto del bagno, 1 specchio, mobiletto portachiavi-cd per l'ingresso, ripulita al portasoprabiti/cappelli, seconda mano di bianco alla credenza della cucina e seconda mano di celeste alle libreria della mia camera da letto, forse anche l'intera libreria di nonna sarà da lavorare...hai idea del tempo che mi occorre ancora per sistemare tutta sta roba? Finirò a casa: nella mia nuova casa. Intanto aspetto di sentire cosa decideranno di fare per quel problema immenso: domani riunione condominiale. Iniziamo subito... :-/ ...e mi mancano ancora i bicchieri da bianco e da cognac...però -c'è un però!- ho trovato una scaldacognac e l'ho preso! Era un oggetto che volevo da sempre, mi domandavo coem si potesse fare in casa l'operazione di riscaldamento del bicchiere senza avere la macchina col vapore, quella dei bar per intenderci, ed evitando di romperlo! Della serie: non mi manca niente!! :-)

    RispondiElimina
  4. Eccola!Pure io sto per avviare realizzazione cucina,anche se le dimensioni non mi faranno certo perdere mesi,visto che trattasi di un paio di metri quadri!ho promesso un aggiornamento via mail,ma davvero c'è un arretrato spaventoso -per quantità e avvenimenti!-da raccontare.Tieni duro e non esaurire completamente le risorse,ciccetta...Provo almeno a chiamarti,forse baciooo Mab

    RispondiElimina
  5. mi è venuta voglia di fare i piatti , quant'è bello.... tieni duro e quando avrai finito io ho la cura...

    Entra in cucina...
    è arrivata l'estate.. si sente l'odore...
    un orata... ma la stagione andata fatica a lasciarci... pinoli, rosmarino salvia e timo... fa caldo... vino bianco... il sole è gioioso... patate ed olive taggiasche...
    Metti a bollire 3/4 patate , la cottura non deve essere ultimata.... diglielo e loro ti ascolteranno (come suggerisce un amica);
    Puliscil'orata lasciandoci solo la spina dorsale, e respira il mare... aggiungi sale nella pancia e gli aromi.. il profumo del contrasto e gia sorridi..
    Metti nella teglia da forno abbondante olio extravergine d'oliva, pinoli, olive e qualche patata a rondelle precedentemente quasi cotta..
    E' ora del forno preriscaldato a 180/200 gradi, aspetta che l'olio cominci a friggere poi lo bagnalo intorno con il vino bianco.... ora mentre gli aromi si espandono nella tua cucina , chiudi gli occhi.. sorridi.. assapora lentamente... pensa al lavoro fatto... ce l'hai fatta... è stato faticoso?
    meglio così... brava!!!

    Simone M

    RispondiElimina
  6. Buon dì -e speriamoche lo sia per noi tutti, amen- in questo momento sono in pausa. Voglio rimanere almeno 5 minuti seduta qui, a scrivervi, sorseggiando il caffè -ormai freddo- dopo aver addentato un pezzo di pane cosparso di confettura di fragole frutto del sapiente lavoro di mia madre. -Eh già, finalmente l'ho aperta, me ne sono innamorata ed è come una coperta di Linus: i due barattoli sono uno qui ed uno sù in modo da non restare mai senza...anzi anzi...quand'è che la rifarai? No perché devo prepararci un po'di bicchierini con robe varie... ;-)))-
    Mab, tesoro, ieri sono stata alla prima riunione condominiale della mia vita per la nuova casa. Tutto sommato è andata bene anche se, come al solito, vista la tensione accumulata in tutti i giorni precedenti, ho retto ho retto, finché usciti da lì mi son sentita male. Ormai capita più spesso di quanto potessi ipotizzare nelle previsioni peggiori. La cucina è di 9 metri...non ho optato per la soluzione del tutto incluso...da qui a del tempo comunque ci saranno delle modifiche per cui investire ora non sarebbe stata la scelta più saggia così ho acquistato solo elettrodoemstici nuovi. Aspetterò con ansia che mi portino lavatrice e forno, quest'ultimo soprattutto, poiché è decisamente troppo che non mi concedo una coccola. Dall'orata con patate, olive, vino, spezie...alle briciole dei crumble, dalle basi con semi di papavero per le quiche ai semicotti...non vedo l'ora di rimettermi all'ora. Avevo ricominciato tanto bene poi l'arresto! Arresto nel senso di stop non nel senso di...va bhè insomma avrete di certo capito!! ;-) tinte su tinte in fila ordinatamente si accumulano, i pennelli aumentano, come per contrappasso dantesco le forza diminuiscono. Inversamente proporzionale. Vorrei stendermi, ovunque dal letto al divano, in terra anche se necessario e sì che son sul depresso andante ed il contatto col suolo -con la terra- non potrebbe che farmi bene, purché riesca a dormire 24 ore di fila. Voglio fare una parmigiana, farcire con qualcosa dei fantastici conchiglioni giganti, preparare il gelato, triturare il ghiaccio, incazzarmi con la centrifuga, col frullatore, con la macchina del pane, con me stessa anche purché qualcosa esca dalla mia cucina e mia dia la soddisfazione che da troppo tempo non trovo nelle cose che faccio...
    C'è da dire che tutto quel che trovo faticoso e che mi impegno a fare è sempre ciò che mi regala alla fin fine gli stati d'animo migliori! Intanto ho terminato le sedie (2) e sono a 3/4 del mobiletto del bagno. Io odio i laminati, odio i beige tutti uguali, così per questo mio essere maledettamente perfezionista (a parte che faccio -aihmé- anche qualche porcata ogni tanto!) me ne sto lì ora a blastarmi perché si vedono delle goccine, delle sbavature di colore, carteggio e riprovo...aiuto sto esaurita!
    C'è da dire però che mi sto ambientando a Torrevecchia...

    RispondiElimina
  7. Torrevecchia..il quartiere di origine dei miei genitori..mio padre è nato a 200 metri da casa tua, mia madre forse a 400...Mi raccontano che 40 anni fa la gente stava in giro fono alle 10 di sera, i ragazzini riempivano le strade e lavoravano tutti come matti...gente semplice, di campagna, muratori, carabinieri, casalinghe...una sezione del partito comunista ogni duecento metri, un cinema storico (il Niagara, oggi non si chiama più così) e prati e prati per giocare a pallone..(non c'erano palestre, centri estetici, locali...) Andare a Roma era un'ammazzata... il traffico tremendo, il 46 strapieno che non passava mai...mia madre e mio zio vomitavano in autobus fra le bestemmie di mio nonno, le urla di rimprovero della nonna...(mia nonna è ancora viva... andava a pregare nella chiesa di piazza Capecelatro) Torrevecchia inizia con Primavalle, primavalle con piazza Mario Salvi.. era un compagano di classe di mia madre, ucciso con una pallottola in testa da un poliziotto, di fronte al ministero dell'istruzione.. aveva un piede varo...Poi le case popolari.. lì abitavano gli sfollati di Borgo Pio, dopo che il fascismo ne ha decretato lo sventramento..le coppiette pomiciavano in quegli androni, poco distanti dagli sguardi severi dei genitori...Torrevecchia finisce con il Santa Maria della Pietà, vergogna dell'umanità. Nell'ex lavanderia oggi c'è un'associazione culturale di sinistra..una delle ultime ormai..

    RispondiElimina
  8. ...ciao piccola grande donna, questi sono giorni pieni di cose da fare per te....1 2 3 ed inizi a godere della tua nuova casa..!!!! soddisfazione dopo tutte le fatiche, te la meriti. grazie a chiunque ti ha sostenuto aiutato e spinto!!! sai che per la giornata del libro te ne ho acquistato uno di poesie. ieri leggendo il post di chi ti descrive la zona di torrevecchia, ho realizzato, una volta di più,quanto sono fiera del tuo modo di pensare e delle persone che ti dimostrano il loro affetto...tanto simili a noi... a te e a loro tutti dedico queste due poesie dal libro che è già tuo "vuoto d'amore"


    Io sono folle,folle,
    folle di amore per te.
    Io gemo di tenerezza
    perchè sono folle, folle,
    perchè ti ho perduto.
    Stamane il mattino era sì caldo
    che a me dettava questa confusione,
    ma io ero malata di tormento
    ero malata di tua perdizione.


    "Alda Merini"
    Amai teneramente dei dolcissimi amanti
    senza che essi sapessero mai nulla.
    E su questi intessei tele di ragno
    e fui preda della mia stessa materia.
    In me l'anima c'era della meretrice
    della santa della sanguinaria e dell'ipocrita.
    Molti diedero al mio modo di vivere un nome
    e fui soltanto una isterica.



    il libro dolcissimo della Merini ti aspetta...


    dardadi

    RispondiElimina
  9. Eccomi, scusate sembro latitante...non ho ancora né il telefono né il gas...se tutto va bene sono rovinata!! ;-) Però i pensili della cucina son stati montati, anche le guide...nonistante l'impegno e mio malgrado ci sono tantissimi scatoloni sparsi ancora per casa...SIGH!Torrevecchia sembra piacermi, Orco mi ha scaricato un po' di materiale interessante che sto leggendo...come dire: mi documento!! Torno presto...spero!! :-)

    RispondiElimina
  10. Sorella mia ,stavo per scriverti ....madòòòòò sto pomeriggio ti ho lasciato un messaggio sul mio facebook sò che non lo leggerai mai ,ma è stato bello scriverlo visto che domani il mio compagno sarà a roma e io restero qui e mi spiace da morire ,promesso presto vengo a trovarti !!! Un bacio sorella e tieni duro!!!!

    RispondiElimina
  11. Tengo duro sì...altra alternativa sarebbe soccombere e non mi pare proprio il caso di darla vinta a quanti hanno tentato e son riusciti -aihmé- ad intaccare il mio equilibrio psicofisico...diciamo che al momento barcollo ma non mollo! ;-) Ora che il mio angioletto custode mi ha anche portato un internet key...potrò collegarmi più spesso in attesa dell'allaccio del telefono...e pure quella è un'altra storia...nel mentre, vi ricordo, sono ancora senza gas...un'epopea proprio...lasciamo perdere ee stendiamo un velo pietosissimo...vado avanti con un fornelletto da campeggio...e la sapete una cosa? ...quasi quasi ora, in tutta questa sfiga clamorosa mi sento forunata, e detto tra noi...mi vien pure da ridere... :-)

    RispondiElimina
  12. E allora sorella ridi che ti passa !!!!!!
    Un bacione grande max....

    RispondiElimina
  13. Aspettiamo .. immaginando e godendo della tua risata....

    Simone M

    RispondiElimina
  14. No, se ve lo dico non ci credete: in tutto questo il docente mi ha anticipato l'esame di 4 giorni, l'ho scoperto ora e mi manca un manuale di Habermas sulla nascita dell'opinione pubblica da fare entro martedì. Voglio morire.

    RispondiElimina
  15. Ps: ...allora...come ti trovi nel nuovo posto di lavoro? :-) Sono passata giù...non c'eri già più, volevo salutarti, pensavo di fare in tempo invece no... :-(

    RispondiElimina
  16. ........benissimo... poi ti racconto con calma, e ovviamente quando sarai meno impegnata ci saluteremo ;-) , prima di andarmene ti ho preso un pensierino letteroculinario...

    Simone M

    RispondiElimina
  17. ...wow! Sono felice per te, e poi, se uno su mille ce la fa, mi conforta sperare che al prossimo giro anch'io potrei essere quella valida unità! ;-) Ok, allora dopo questo (tentativo di) esame tramite web ci aggiorniamo! :-)Grazie del pensiero...

    RispondiElimina
  18. Senti Dà,ci posti la foto del lavandino del bagno,che questo lavello ormai lo so a memoria,dopo un mese? Oh per carità,signora mia,bellissimo...Così,giusto per svagarci un pò!!:-)BacibacibaciMab

    RispondiElimina
  19. Bella, se sei bella!! Sei l'unica che in questa giornata afosa e intrisa della mia ansia, sudo ansia proprio, mi è riuscita a far ridere. E c'è poco da ridere guarda per cme vado a fare quell'esame...speriamo bene...quasi mi vergogno! Come va, va...intanto informo che lunedì sera a Capannelle ci saranno gli Ska P coi 99 Posse...prezzo 20 euro..non credo che i biglietti siano esauriti...mai come me comunque!
    Ma lo sai che in questo caos, calmo come Moretti e Veronesi, non trovo più il cavo della macchina? Non la Panda, quella è ormai da 10 giorni in officina fate voi, dico la Nikon...quindi sebbene abbia delle foto, anche meritevoli tutto sommato, da postare, non riesco a farlo...però in compenso habemus gas: al limite, se mi va male pure domani...posso farci un pensierino! :-) Tanto non ce n'è una che va dritta in questa lucida follia. Senti, sai che faccio? Fotografo la quinta che ho ideato in salone! Eh? Così mi etichettano come matta definitivamente e stiamo a posto. Gli sfiorati mi piace da morire, avevi ragione...hai fatto bene a consigliarmelo...già lo vedo come una delle mie letture preferite...stilosissimo. In più, per conoscere meglio i gusti dei miei sostenitori, sto pensando di avventurarmi nelle loro -vostre- letture preferite...ho preso per il momento "lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte" che mi pare essere nel profilo di Pino se non erro...comunque da qualche parte sta nei vostri spazi...consigli altri? Ps: quando scendi a Roma devi passare di qui: … … …ho preso la gelatiera!!!! ;-))))))))))))))))

    RispondiElimina
  20. "lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte".. è una perla!!!

    Per chi ama Roma ..piccola dritta.. "E in mezzo il fiume" di Sandra Petrignani. E' appena uscito...€ 8,50 per questa città che è una vera poesia!!

    Simone M

    RispondiElimina
  21. Buono! :-) Grazie! Ho deciso di interagire in modo un tantino più concreto con voi tutti! Impossibile, al momento perlomeno, invitarvi a cena -nessuno escluso- poiché casa è ancora un gran casino ahimé!
    Sì, bhè...sarà anche deformazione professionale ma l'idea di questo bambino autistico che indagando sulla morte del cane della vicina di casa rielabora, forse, un lutto venendo a capo anche della scomparsa della madre...superando le sue paure per giunta...lo credo bene che è una perla... :-)
    E prenderò anche quello che mi hai consigliato!Grazie...
    Bon, ora tornando a bomba...sono andata a Perugia, come al solito m'han sfiancata, a sostenere l'esame di sociologia della comunicazione con Mancini...e me ne son tornata a casa con un 27...peccato perché volevo il trenta...ma ci si può stare visto che Nascita e critica dell'opinione pubblica l'ho vivisezionato in un giorno: l'8. E mi è piaciuto moltissimo...porto ancora i segni però della notte con Habermas: ho gli occhi che mi fan pupi pupi...

    RispondiElimina
  22. Complimenti!!

    Simone M

    RispondiElimina
  23. :-)))))))))))))))))))))))))) Grazie, grazie!!

    RispondiElimina